Come creare un personaggio malvagio

Ammettiamolo… il personaggio malvagio è affascinante. Se ti devi cimentare a crearne uno ti do qualche consiglio per un cattivo veramente memorabile.

Nella mia esperienza di Giocatore e di Master ho imparato che malvagio non vuol dire per forza totalmente pazzo, né tanto meno stupido; un personaggio così avrà quasi sicuramente vita breve.

La maggior parte dei malvagi sono ritenuti tali perché talmente freddi nel calcolare da non tener conto conto dei sentimenti, bisogni e sofferenze altrui. 

Veniamo ai punti che ti possono essere utili nella creazione del tuo personaggio malvagio.

Che tipo di cattivo vuoi impersonare?

Ritengo che le tipologie si possano riassumere a 4 principali:

Il tiranno, colui che brama il potere e vuole soggiogare gli altri suoi desideri; egli pensa che le persone siano meri strumenti per il raggiungimento dei suoi fini. Spesso è mosso da rabbia, invidia, dolore e a volte persino da  insicurezza.

Alcuni esempi: l’imperatore Palpatine (Star Wars, se non lo sapevi devi espiare questa grave colpa), la regina cattiva (biancaneve), Saruman (non te lo dico neanche), Cersei Lannister (il trono di spade), Andre Baptiste (Lord of War)
Il mostro, costui non ragiona come gli altri, manca di sentimenti e di empatia; è un sociopatico che vede nelle persone che lo circondano qualcosa di diverso e sbagliato. Trae spesso gioia e ristoro dalle sofferenze altrui, qualsiasi queste possano essere, come osservatore o carnefice. La maggior parte delle volte si tratta di un’anima tormentata che ha sofferto troppo, o che non ha mai sviluppato empatia.

Alcuni esempi: dottor Hugo Strange (Batman), Ramsay Bolton (il trono di spade), Tabita (The Ring), Lou Bloom (Lo Sciacallo)
L’egoista non gode particolarmente della sofferenza altrui, né ambisce a soggiogare la gente, salvo che per raggiungere degli obiettivi personali. Sacrificherebbe chiunque per salvarsi la vita o per ottenere un vantaggio particolare, infatti mira principalmente alla sopravvivenza a discapito di chiunque.

Alcuni esempi: Petir Baelish (il trono di spade), Renè Belloq (Indiana Jones), Grima Vermilinguo (il signore degli anelli)

Il fanatico che crede talmente tanto in una cosa, da andare anche contro la sua stessa umanità per rispettare un credo; può anche non sembrare una persona cattiva, ma di fatto ha in sè una buona dose di follia.

Alcuni esempi: Melisandre (il trono di spade), Dart Vader (Star Wars), 

Ecco queste sono le principali categorie di personaggio malvagio a cui ho pensato in questi anni.

Il suo profilo psicologico

Dopo aver scelto quale categoria di malvagio vuoi fare, è il momento di passare al profilo psicologico.

Comincia a scegliere quali sono quelle azioni che il tuo personaggio ama e desidera fare e da cui trae piacere. Fondamentalmente la differenza tra un cattivo ed un buono è che il primo ama assecondare il suo piacere e le sue inclinazioni, anche a danno degli altri, il secondo pensa anche al bene degli altri.

Che valore da agli altri se confrontati ai suoi desideri? Alcuni cercheranno delle motivazioni per giustificare a loro stessi le proprie azioni, altri non ne avranno bisogno perchè le percepiranno come normali. Altri ancora saranno talmente rovinati e deviati da desiderare la colpa e la sofferenza per quello che fanno (un male che ne scaccia un altro più profondo).

Giocare i dubbi, i sensi di colpa e la sofferenza che lo tormentano per quello che fa abitualmente, può essere molto emozionante.

Gli altri lo sanno che sei cattivo?

E’ il momento di decidere se il tuo malvagio porta una maschera oppure se non ne ha bisogno. Non tutti i cattivi devono di nascondere la propria natura, altri invece non possono farne a meno perché verrebbero isolati, incarcerati o uccisi.

Scegli che parte recita il tuo personaggio davanti agli altri! Magari è solo temporanea perché sei un assassino che si è infiltrato nel gruppo per ucciderne un membro.

Il male è generato dal male

L’ultimo passo, il più complicato, è scegliere i demoni che hanno fatto diventare il tuo personaggio così com’è. Quale dolorosa esperienza, intensa sofferenza, manipolazione o follia lo costringono ad essere così? Qui entriamo nella psicologia profonda del personaggio. Non è indispensabile al gioco, però averla creata a priori ti permetterà di sviluppare durante delle reazioni veramente uniche ed affascinanti.

Il tuo personaggio potrebbe essere stato torturato e manipolato per anni;  alla fine è arrivato a concepire la sofferenza altrui come una cosa naturale e persino giusta. Oppure una vocina maligna potrebbe averlo perseguitato per così tanto tempo, raccontandogli di come gli altri lo odino, fino a fargli vedere le persone come dei mostri da punire.

 

Per concludere ti voglio dare alcuni spunti per dei personaggi malvagi:

Tiranno bramoso di potere – Joffrey Baratheon 

L’assassino senza umanità – l’autostoppista di The hitcher

Il mostro carnefice – Dottor Hannibal Lecter

Il mago malvagio – saruman

Il demone corruttore –

Il cultista folle – Boris Balkan in “La nona porta”

Il fanatico – Silas in “Il codice Da Vinci”

 

Ricordati che se ti iscrivi alle nostre Newsletter, riceverai tutti gli aggiornamenti del Blog, potrai suggerire argomenti e materiale e diventerai membro della Community di noi Appassionati dei GdR.

Alcuni articoli consigliati:

I lati positivi del Gioco di Ruolo

Le tre “i” del buon giocatore

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

maggio 12th, 2017 by